Prima Pagina Cronaca| Politica| Attualita'| Sport| Università e scuola| Cultura e spettacoli| Mediagallery| Eventi|
Attualita'
lunedì, 2 aprile 2012 ore 15:33
Calcioscommesse, Gillet: "Gli Ultrà mi minacciarono, ma io dissi no"
L'ex capitano del Bari rispedì al mittente le minacce di alcuni ultrà che chiesero ai giocatori del Bari di perdere alcune partite per fare soldi con le scommesse
Gillet

Bari - Non si placano le scosse di assestamento successive al terremoto causato dall'arresto di Andrea Masiello e di quelli che sono stati definiti come i suoi "boys" nell'ambito dell'inchiesta sul calcioscommesse

Questa volta è il turno di nuove indiscrezioni sulla posizione dell'allora capitano del Bari Jean Francois Gillet. Il "gatto di Liegi" avrebbe respinto le minacce di alcuni ultrà biancorossi che avevano chiesto ai propri beniamini di perdere alcune partite della scorsa stagione per far soldi con le scommesse. L'attuale portiere del Bologna il 7 febbraio scorso durante un'audizione, in qualità di testimone ha detto di aver ricevuto, secondo quanto scritto dal gip di Bari, "intimazioni" da alcuni "esponenti di vertice degli "ultrà", riconosciuti in foto dall'ex capitano biancorosso in Raffaele Lo Iacono, Roberto Sblendorio e Alberto Savarese, solo per l'incontro Cesena-Bari: gli ultrà nella circostanza avrebbero intimato ai calciatori di perdere la successiva partita. Il portiere ha dichiarato di essersi rifiutato di "accettare". Queste le parole di Gillet messe a verbale, riferendo le parole degli ultrà: "Aho, siete ultimi, avete fatto questo campionato di... non vi è mai successo niente, nessuno ha preso mazzate e cose varie, domani dovete perdere. Basta, non c'è stato niente da dire, così". "Noi - ha dichiarato Gillet - abbiamo detto: "No, non esiste". E loro hanno risposto: "Va beh, da ora fino alla fine non si sa mai che cosa può succedere, tu vivi a Bari, non si sa mai". Io ho detto: "Non esiste". "È sufficiente, in ogni caso, consultare gli almanacchi del calcio o la raccolta della stampa sportiva di quel periodo per verificare che il Bari avrebbe comunque perso sul campo per 1-0 entrambe quelle partite", ha concluso laconicamente il giudice.

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate

   

 

Parole chiave: bari, calcioscommesse, andrea masiello, jean francois gillet

 






 

Non sono presenti commenti

 

Leggi anche:
Bari, Torre Quetta: identificato il cadavere ritrovato sulla spiaggia
La macabra scoperta è avvenuta ieri, da un uomo, mentre passeggiava con il proprio cane | Il ritrovamento  
Bari, rapina a mano armata in un centro scommesse di via Abate Gimma
Il colpo è stato messo a segno intorno alle ore 13.00
Calcioscommesse: Semeraro condannato per combine Bari-Lecce
In manette l’ex presidente del Lecce e l’imprenditore salentino Quarta
Bari, rapina in via Nicolai, il ladro si difende: “E’ la prima volta”
Bloccato mentre cercava di nascondersi tra le auto
Bari, show alla Feltrinelli: De Gregori e Zalone in un inaspettato duetto (VIDEO)
Sorpresa ieri nella libreria di Via Melo 

 

 

Notizie più lette:
Incidente stradale tra Bitritto e Sannicandro: un morto
Un 40enne ha perso la vita e altre 3 persone sono rimaste gravemente ferite
Capodanno 2015 a Bari, il programma
Tutti gli appuntamenti
Bancarotta fraudolenta e frode fiscale, arrestato amministratore della Nuova Levantauto
Operazione del Nucleo di Polizia Tributaria di Bari
Bari, operazione “Tax Refund”: maxi sequestro ad una società barese
Confiscati  immobili,  conti correnti e titoli vari per un valore di circa 420mila euro
Bari, rapina a mano armata in un centro scommesse di via Abate Gimma
Il colpo è stato messo a segno intorno alle ore 13.00

 

 

 

lunedì 26 gennaio 2015
















Powered by Gosystem