Prima Pagina Cronaca| Politica| Attualita'| Sport| UniversitÓ e scuola| Cultura e spettacoli| Mediagallery| Eventi|
Cronaca
venerdý, 16 marzo 2012 ore 16:06
"In Puglia illegalitÓ oltre l'immaginabile": l'allarme della Corte dei Conti
L'inaugurazione dell'anno giudiziario permette al procuratore regionale Lorusso di descrivere una regione dal malcostume dilagante. Annunciata l'apertura di quattro fascicoli sul caso Dec
La sede della Corte dei Conti

Bari - Fondi percepiti da privati approfittando "anche della collusione o accidia di pubblici funzionari". "Concussione, truffa e falso commessi da un dipendente regionale nel riscontrare e vigilare sulla riscossione delle tasse automobilistiche". E una marea di fascicoli su consulenze irregolari, rimborsi spese intascati illecitamente e accertamenti in corso sul prestito che la Regione ha ottenuto nel 2003-2004 dalla Merril Lynch su cui c'è stata transazione.

Il quadro descritto dal procuratore generale Francesco Lorusso, in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario della Corte dei Conti, descrive una Puglia fortemente interessata da illeciti, tanto da parlare di "gravità molto al di là dell'immaginabile". "Fattori patogenetici hanno nel tempo determinato un tale stato di diffusa e dilagante illegalità" contro cui l'opinione pubblica, secondo Lorusso, pretende controllo più "rigoroso e penetrante". Certo, nella Bari stravolta dallo scandalo Dec fa ancora più rumore sentire di "fenomeni ricorrenti di malcostume amministrativo e di gravi negligenze nella gestione di opere pubbliche", ma i reati accertati nel 2011 spaziano: da interessi di singoli funzionari pubblici fino a concessioni allegre di appalti da parte degli Enti. Addirittura viene citato anche il rettore di una università per un rimborso "di spese per viaggi e soggiorni, da questi asseritamente effettuati per ragioni istituzionali, mentre erano realmente personali". Senza dimenticare le ipotesi di truffa e corruzione nelle Asl, parcelle d'oro della Regione per un legale esterno e persino accertamenti su corsi di formazione professionale nati per l'inserimento lavorativo di giovani diversamente abili.

La richiesta al legislatore è precisa: serve una normativa per aumentare le attribuzioni in capo alla Corte dei Conti, al di là delle "sparute norme" emesse nel 2011.

Dopo l'inaugurazione, Lorusso ha annunciato l'apertura di quattro fascicoli sullo scandalo che unisce il gruppo Degennaro alla città di Bari. In particolare uno è dedicato al caso Poggiofranco, per la costruzione dei giardini e i palazzi di via Pappacena. I nuovi elementi acquisiti permetteranno la riapertura del caso, già in passato analizzato dalla Corte dei Conti.

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate

   

 

Parole chiave: corte dei conti, dec, corruzione, collusione, universitÓ

 






 

Non sono presenti commenti

 

Leggi anche:
Bari, Decaro secondo sindaco pi¨ amato d'Italia
Il primo cittadino barese alle spalle di Dario Nardella, sindaco di Firenze

 

 

Notizie più lette:
Scossa di terremoto a Gravina
Una scossa di magnitudo 3.2 ha colpito i comuni di Gravina, Spinazzola, Poggiorsini e Irsina
Bari, rapina in un supermercato (video)
Arrestati grazie alle immagini delle videocamere 
La Cia Puglia piange la scomparsa di Franco Catapano
Deceduto l'ex direttore regionale
Tragedia al Cus Bari: canoa contro pontile. Un morto
Vittima un 55enne di Modugno
Terlizzi, panico al pronto soccorso. Aggredisce due operatori, arrestato
In manette 35enne del luogo

 

 

 

lunedì 27 aprile 2015

Vetrine "La Bari che non piace" - XIII puntata
George Orwell affermava
Spazio promozionale















Powered by Gosystem