Prima Pagina Cronaca| Politica| Attualita'| Sport| Università e scuola| Cultura e spettacoli| Mediagallery| Eventi|
Cronaca
sabato, 12 gennaio 2013 ore 10:05
E il Pdl ora "paghi" la figlia di Totò

Ben 175mila euro il risarcimento - a Liliana De Curtis - per la campagna del Pdl su Punta Perotti

di Sara Perilli

Bari - Di sentenza in sentenza si ritrovano a pagare un po' tutti. Questa volta tocca al Popolo della Libertà, che dovrà risarcire Liliana De Curtis, figlia di Totò, con ben 175mila euro.
La donna, infatti, aveva trovato offensivi e inappropriati i manifesti che nel 2009, in seguito alla sentenza della Corte Europea su Punta Perotti, avevano letteralmente invaso la città di Bari. Nel 2009, lo Stato si era ritrovato a pagare 49milioni di euro come risarcimento ai costruttori. E il Pdl aveva subito intrapreso la sua campagna (che con il senno di poi non si è dimostrata molto fruttifera), con un fotomontaggio raffigurante un addolorato Totò, che guarda Punta Perotti andare giù, condito dalla celebre e inflazionata frase "...e io pago!". Il tutto è stato definito dalla De Curtis "Un gratuito e improprio accostamento a un'associazione politica e al suo presidente, del tutto estranei alla sensibilità culturale e politica di Totò".

Attribuzione - Non opere derivate

   

 

Parole chiave: totò, liliana de curtis, punta perotti, bari, pdl

 






 

Non sono presenti commenti

 

 

Notizie più lette:
Tecnologia, uno degli smartphone più potenti al mondo arriva dalla Puglia
Ennesimo successo per Piò Italia
Bari, ruba in negozio del borgo murattiano: arrestato
In manette 36enne georgiano
Valenzano, alla vista dei carabinieri si sbarazza della cocaina
Arrestato 34enne
Altamura, marijuana in auto. Arrestato 18enne
In manette incensurato albanese
Calciomercato Bari, ufficiale: Camara e Puscas
Ecco i due giovani talenti in prestito dall'Inter

 

 

 

mercoledì 02 settembre 2015

Vetrine "La Bari che non piace" - XIII puntata
George Orwell affermava
Spazio promozionale















Powered by Gosystem