Prima Pagina Cronaca| Politica| Attualita'| Sport| Università e scuola| Cultura e spettacoli| Mediagallery| Eventi|
Cronaca
mercoledì, 16 gennaio 2013 ore 15:30
Inchiesta Tarantini, la Arcuri, la Tommasi e altre 24 donne "parte offesa"

Lo ha deciso il giudice  Ambrogio Marrone

Gianpaolo Tarantini
di Redazione Go Bari

Bari - Le ragazze che parteciparono alle feste di Palazzo Grazioli,  devono essere considerate parti offese nel procedimento  che vede come imputato l'imprenditore barese Gianpaolo Tarantini che - lo ricordiamo -  è accusato di aver organizzato un giro di prostituzione nelle residenze dell'ex premier Silvio Berlusconi. Lo ha deciso il giudice Ambrogio Marrone pronunciandosi sulla richiesta già fatta da Patrizia D’Addario. Le donne che potranno chiedere formalmente di partecipare all’udienza preliminare in programma l'8 febbraio sono 26. Tra loro anche Manuela Arcuri e Sara Tommasi.

Attibuzione - Non commerciale

   

 

Parole chiave: palazzo grazioli, tarantini, escort

 






 

Non sono presenti commenti

 

 

Notizie più lette:
Incidente stradale sulla Modugno-Bari, grave una 23enne
L'auto della ragazza è finita contro un cancello
Bari, blitz antiracket: 9 arresti per minacce ed estorsioni ad imprenditori (video)
Controlli e arresti a tappeto dei carabinieri. I nomi delle persone coinvolte
Bari, traffico di droga ed estorsione: è guerra tra clan (VIDEO)
Le indagini, partite dall ’omicidio Rizzo avvenuto a Rutigliano, hanno evidenziato il ruolo dei Campanale nella lotta per il controllo del territorio
Bari: rapina a mano armata in via Crisanzio
Il colpo mercoledì pomeriggio in una farmacia
Bari, ucciso per aver importunato la moglie del boss: 7 arresti
Gli arrestati appartengono ai clan alleati "MontaniMisceo" e "Telegrafo"

 

 

 

mercoledì 01 aprile 2015

Vetrine "La Bari che non piace" - XIII puntata
George Orwell affermava
Spazio promozionale



Vetrine “MASSERIE SOTTO LE STELLE”
Il  22 GIUGNO la III ed nelle MASSERIE DIDATTICHE PUGLIESI
Spazio promozionale












Powered by Gosystem