Sotto sequestro il depuratore Bari ovest, la "denuncia" del M5s

di Claudia Morelli giovedì, 27 febbraio 2014 ore 10:07

Il sequestro è avvenuto a dicembre. Due le persone indagate Il M5s Bari per le comunali Intervista al candidato sindaco del M5s Bari

Arriva la denuncia del Moveimento5Stelle Bari sul sequestro del depuratore Bari ovest, avvenuta a dicembre: “Il 17/12/2013 si è aperta un’altra pagina ingloriosa per la nostra Città. E' finito sotto sequestro il depuratore Bari Ovest. L'impianto riceve le acque di alcuni quartieri (Palese, Santo Spirito e San Paolo), della zona industriale ASI e di alcuni Comuni limitrofi.
Si tratta di uno dei due depuratori a servizio del capoluogo pugliese, il cui scarico, sfocia  in mare a più di 300 metri dalla linea costiera, in località "Fesca". Da notare che da alcuni anni questa porzione di territorio viene utilizzata dai residenti come accesso libero al mare e addirittura qualche anno fa il Comune stesso attrezzò un’area destinata ai cittadini disabili, poi abbandonata per mancanza di finanziamenti specifici”.
L'operazione di telerilevamento effettuata sul posto ha consentito di mostrare differenze termiche nelle acque, al fine di individuare scarichi inquinanti : “In poche parole si tratta di un’attività di indagine aerea che con apposite apparecchiature che “leggono” le differenze di temperatura lungo la linea costiera, rivelando le aree dove presumibilmente c’è un apporto di liquidi provenienti da altre fonti. I militari della Guardia Costiera, a seguito di alcuni sopralluoghi hanno accertato che vi è stato, nel tempo, lo sversamento in mare di reflui non depurati e maleodoranti, il superamento dei limiti tabellari previsti dalla legge, nonche' la dispersione di emissioni maleodoranti”.
Agli indagati Gioacchino Maselli ,ex rappresentante legale di Aqp, e Mauro Spagnoletta, amministratore unico di Pura Depurazione srl, sono contestati reati ambientali, danneggiamento aggravato di acque pubbliche, deturpamento di bellezze naturali, superamento dei valori tabellari nello scarico in acque superficiali e dispersione in atmosfera di emissioni maleodoranti. 
“Il provvedimento di sequestro autorizza comunque la facolta' d'uso dell'impianto esclusivamente ai fini dell'ordinaria amministrazione. Del resto sarebbe bastato alla Autorità Inquirente percorrere l’area della Zona Industriale intorno a Viale Europa o anche verificare semplicemente con una imbarcazione la presenza di grandi chiazze di fanghi marroni e maleodoranti e materiali vari galleggianti proprio in prossimità dell’area di risalita dei reflui dallo sbocco della condotta sottomarina, per rendersi conto, che era ed è in corso una pesantissima attività inquinante a carico dell’ambiente costiero cittadino. Ma sarebbe stato mai possibile interrompere questa attività illegale, quando l’impianto incriminato serve come recapito dell’uso domestico e industriale dell’acqua a più di 150.000 abitanti? Risposta troppo facile, è la solita forma di ricatto sociale che ha prodotto le tragedie di Taranto, tanto per fare un esempio” denuncia il M5s Bari, facendo presente nel resto del comunicato (tagliato per motivi redazionali) che gli impianti messi a punto negli ultimi anni riescono a ridurre notevolmente l'impatto ambientale .
Sotto accusa anche il depuratore di Bari est, i cui scarichi arriverebbero nei pressi della spiaggia di Pane e Pomodoro quando si verifica un eccesso di portata di acque di scarico e meteoriche: “L'inquinamento prevalente cosi è subdolo, perché in apparenza l’acqua risulta visivamente accettabile, ma nasconde un grave pericolo di tipo batteriologico, per coliformi fecali, ma anche virus e allergeni vari nonché tutto il resto, compresa la cocaina”.
Il Movimento conclude con la sua proposta: “Il MoVimento 5 Stelle intende ripensare a tutto il ciclo dell’acqua con soluzioni moderne, di basso impatto ambientale e economicamente sostenibili. Va assolutamente superato il concetto di uso dell’acqua pubblica, interrompendo il circuito vizioso che si è creato a causa spesso di scelte e motivazioni socio-politiche.
È un preciso impegno del MoVimento 5 Stelle di Bari proporre soluzioni virtuose e moderne, accompagnate da chiare politiche di sostegno, all’uso ed al “riuso” del bene comune acqua, eliminando gli sprechi e colpendo le politiche e i comportamenti dei soggetti che, fino ad oggi, hanno dissipato uno dei beni universali più importanti. Senza acqua non ci può essere vita”.
 

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Bari social




Commenti recenti

  • Eldim Alana

    Questi diasgi sono veramente all'ordine del giorni. Fortunatamente, ci sono ache compagnie che possono aiutarci a reclamare. Qui potete trovare le...

    Mostra articolo
  • Collini Lola

    Un patrimonio inestimabile!! Ormai da anni seguo una dieta una dieta mediterranea, da quando me la consigliò il mio dottore. Adesso ogni volta che...

    Mostra articolo
  • 85 babi

    Molto utili le informazioni di quest'articolo...purtroppo questi diasgi sono all'ordine del giorni per chi viaggia spesso e non. Neanche io ero a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!