Amiu Bari, sciopero nazionale lavoratori settore ambiente e igiene

di Redazione Go Bari martedì, 14 giugno 2016 ore 15:05

Tutte le info

In vista dello sciopero generale nazionale dei lavoratori del settore ambiente-igiene urbana, previsto per domani 15 giugno, dalle ore 4 fino alle ore 4 del giorno 16, i servizi di Amiu Puglia potrebbero subire brusche riduzioni. A nulla è valso, infatti, il tentativo di mediazione effettuato dall’ANCI e dal suo presidente del consiglio nazionale, Enzo Bianco, per evitare ai sindaci e ai cittadini le criticità derivanti dal mancato svuotamento dei cassonetti nelle vie delle città. Pur a fronte di una disponibilità delle aziende a trovare un accordo, le organizzazioni sindacali hanno rifiutato la proposta fatta dall'ANCI di riconoscere un aumento mensile di 110 euro, confermando, quindi, la giornata di sciopero. La lunga trattativa tra le organizzazioni sindacali e la parte datoriale è al momento arenata anche sul tema dei distacchi sindacali nazionali retribuiti, ovvero sul numero di persone che - retribuite dalle aziende – svolgono attività per i sindacati nazionali. Le aziende chiedono infatti che le eccessive 388.800 ore di permessi e distacchi sindacali retribuiti, che costano alle imprese oltre 11,5 milioni di euro all’anno, siano contenute per essere portate allo stesso livello di altri settori. "Restiamo convinti - commenta Gianfranco Grandaliano, Presidente di AMIU Puglia - che lo sciopero sia inopportuno, così come lo era quello del 30 maggio, anche perché le occasioni e le proposte utili a trovare un accordo soddisfacente per entrambe le parti, senza causare pesanti ripercussioni sui cittadini, ci sono state. Anche stavolta, tuttavia, ci stiamo organizzando per offrire i servizi minimi (oltre a quelli garantiti dal contratto nazionale, ovvero ospedali e caserme), nonché per cercare di limitare al massimo gli inconvenienti e i disagi per i cittadini di Bari e Foggia e di recuperare i mancati servizi del giorno 15 nelle successive 48 ore". Grandaliano invita i cittadini baresi e foggiani alla massima collaborazione. "Se possibile, sarebbe opportuno evitare conferimenti non strettamente necessari, in particolare di frazione indifferenziata e, comunque, a rispettare gli orari di conferimento imposti dai rispettivi regolamenti comunali (dalle 18,30 alle 22,30). Siamo coscienti che ciò rappresenterà un disagio, ma in ballo c'è l'igiene della città, specialmente in questa stagione, con il sopraggiungere delle alte temperature". Per ciò che concerne la città di Bari, sebbene con personale ridotto, tutti i centri di conferimento, ad eccezione di quello di via Napoli, saranno regolarmente aperti al pubblico.

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate

   

Inserisci un commento


Bari social




Commenti recenti

  • 85 babi

    Molto utili le informazioni di quest'articolo...purtroppo questi diasgi sono all'ordine del giorni per chi viaggia spesso e non. Neanche io ero a...

    Mostra articolo
  • PeterurgesEF Peterurges

    Предлагаем свои услуги...

    Mostra articolo
  • serra antonio

    salve, vorrei sapere se nel comune di taviano nella marina di mancaversa in provincia si lecce si paga la tassa di soggiorno. grazie

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!