Puglia e Olanda unite nella lotta (alla crisi)

di Redazione Go Bari giovedì, 5 maggio 2011 ore 08:13
Vendola: "La politica deve aiutare gli operatori economici, ma loro devono aiutare la politica”

La Puglia come piattaforma logistica non solo trasportistica ma anche dell’agroalimentare, diventando interlocutore privilegiato del settore florovivaistico olandese. Su questo scenario di lavoro futuro si è conclusa la visita nei Paesi Bassi, su invito del governo olandese, della delegazione pugliese guidata dal presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, accompagnato dagli assessori regionali all’agricoltura Dario Stefàno e alla mobilità Guglielmo Minervini dal Console dei Paesi Bassi in Puglia Massimo Salomone e dall’Addetto Affari Economici dell’Ambasciata dei Paesi Bassi a Roma Chris Schoenmakers.
Dopo i trasporti e l’energia, è toccato al confronto, alla conoscenza e all’approfondimento del settore florovivaistico olandese, che si preesenta ricco di prospettive di collaborazione e di scambio nella relazione con la Puglia. Due le realtà visitate, FloraHolland, “la wall street del fiore” e il gruppo pugliese Ciccolella che ha in Olanda la sua base logistica di smistamento dei fiori sui mercati mondiali.
In particolare FloraHolland riconosce nella Puglia un interlocutore privilegiato e sul quale investire in termini di relazione e di possibilità di sviluppo che ora è marginale ma che in futuro potrebbe espandersi. “Un futuro che inizia sin dalla settimana prossima – ha detto l’assessore Stefàno - quando un gruppo di osservatori olandesi di FloraHolland verranno in Puglia per approfondire alcuni aspetti preliminari per l’avvio di una collaborazione”. Per l’assessore Minervini “l’obiettivo nei prossimi mesi sarà quello di lavorare allo sviluppo di piattaforme logistiche anche in Puglia dove aggregare e integrare tutti i prodotti locali (orientati al mercato) per poi trattarli e immetterli sui mercati europei. Ci sono produzioni di qualità pugliesi che stanno entrando nella filiera di FloraHolland ma la loro piattaforma logistica ha sede a Latina. Perché non potrebbe avere invece sede in Puglia?”.
La Puglia come piattaforma logistica, da un punto di vista trasportistico, ha una grande potenzialità ed è molto attrezzata. Quattro aeroporti e tre porti in crescita può significare molto. Ma il rischio potrebbe essere quello di non avere il mercato. E allora occorre costruire politiche attrattive. “Noi abbiamo il compito di organizzare le politiche pubbliche per stimolare le imprese ad uscire dalla condizione di crisi – ha detto in conclusione il Presidente Vendola – affinchè possano competere ma anche cooperare. E in questo scenario l’investimento sulla ricerca e sui giovani talenti è forse l’elemento decisivo delle politiche pubbliche. Credo che la Puglia su questo abbia rappresentato una buona pratica perché abbiamo messo una grande quantità di risorse nella formazione. Occorre accompagnare le imprese, spiegando loro però che per stare dentro l’economia mondiale, è necessario mettersi in rete e cooperare. La politica deve aiutare gli operatori economici, ma loro devono aiutare la politica”.

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Bari social




Commenti recenti

  • 85 babi

    Molto utili le informazioni di quest'articolo...purtroppo questi diasgi sono all'ordine del giorni per chi viaggia spesso e non. Neanche io ero a...

    Mostra articolo
  • PeterurgesEF Peterurges

    Предлагаем свои услуги...

    Mostra articolo
  • serra antonio

    salve, vorrei sapere se nel comune di taviano nella marina di mancaversa in provincia si lecce si paga la tassa di soggiorno. grazie

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!