GIUSTIZIA E STAMPA IN SUBBUGLIO. ECCO COSA DICE LA LEGGE BAVAGLIO

di Claudia Bruno lunedì, 14 giugno 2010 ore 11:06
Approvato in Senato il decreto sulle intercettazioni.

È passato giovedì in Senato il discusso decreto sulle intercettazioni. Per non sbagliare, il Governo ha deciso di approvarlo ponendo la fiducia, in modo tale da evitare sorprese e ripensamenti, procedendo compatti verso una legge cara al premier, che anzi, come assicura chi gli è vicino, l’avrebbe voluta ancora più restrittiva. In attesa dell’approvazione alla Camera, vediamo cosa prevede realmente questa cosiddetta “legge-bavaglio”.

 

Prima di tutto la restrizione dei tempi per le intercettazioni, che potranno durare al massimo 75 giorni, prorogabili per 3 giorni alla volta in casi eccezionali. Per i reati più gravi (mafia, terrorismo, omicidio) la proroga sale a 40 giorni; per tutti gli altri, evidentemente, si può chiudere un occhio. Si potranno ascoltare le telefonate solo nelle indagini per reati che prevedano più di 5 anni di carcere, sarà vietato fare intercettazioni in auto, casa o locali privati per  più di 6 giorni e sarà più difficile intercettare preti, deputati e senatori, che potranno finalmente star tranquilli al riparo da incresciosi scandali. Per sicurezza, il divieto di intercettazioni varrà anche per i familiari dei parlamentari, non si sa mai.
 

E ora veniamo alle novità per giornalisti ed editori, che hanno già annunciato uno sciopero generale di protesta il 9 luglio. Le intercettazioni non potranno essere pubblicate sui giornali fino alla fine delle indagini e gli atti delle inchieste potranno essere solo riassunti. Gli editori che si ostineranno a pubblicare materiale scottante rischiano una multa fino a 450.000 euro, mentre i giornalisti che si macchieranno di tale misfatto saranno punibili con un mese di carcere e 10.000 euro di multa. Magra consolazione, solo ai giornalisti sarà permesso, in futuro, di fare riprese o registrazioni audio di nascosto.
 
 
Ciliegina sulla torta, le nuove regole si applicano ai processi in corso, in modo che qualcuno finalmente possa essere libero da fastidiosi impicci giudiziari e possa dedicarsi con calma alle sorti di un Paese che meriterebbe qualcosa di meglio dalla propria classe dirigente. Il Governo esulta perché finalmente sarà garantita la privacy di tutti i cittadini. La sensazione, invece, è che adesso siano solo i criminali a tirare un sospiro di sollievo e dormir sogni tranquilli, perché dubito che a qualcuno interessi ascoltare i vaneggiamenti telefonici della gente comune con amici e parenti. Il problema vero è che così si minano seriamente le basi della Giustizia italiana, già abbastanza sofferente, e si lasciano impuniti i delinquenti.
 
 
Con la nuova legge, tanto per fare un esempio, non avremmo mai saputo del crack Parmalat, della casa regalata a Scajola, di Calciopoli, delle violenze al G8, e di altri fatti grigi della recente cronaca nazionale.

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Bari social




Commenti recenti

  • 85 babi

    Molto utili le informazioni di quest'articolo...purtroppo questi diasgi sono all'ordine del giorni per chi viaggia spesso e non. Neanche io ero a...

    Mostra articolo
  • PeterurgesEF Peterurges

    Предлагаем свои услуги...

    Mostra articolo
  • serra antonio

    salve, vorrei sapere se nel comune di taviano nella marina di mancaversa in provincia si lecce si paga la tassa di soggiorno. grazie

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!