La città di mare che odia l'acqua

di Antonella Ardito venerdì, 17 agosto 2012 ore 20:26

Meglio rizollare lo stadio San Nicola che sostenere le Piscine Comunali. Ma le piscine coinvolgono migliaia di persone  ogni giorno, non cento paganti due volte al mese

La vasca olimpionica scoperta delle Piscine comunali

BARI - “Maria non andiamo a mare oggi, andiamo alle Piscine Comunali, c’è vento”. Lo diceva una ragazza di quindici anni l’altro giorno all’amica nel bus, disposta anche a pagare i quattro euro dell’ingresso nell’impianto di viale Maratona. Perché quando il maestrale soffia forte su Bari d’estate e il mare si gonfia, per godersi un po’ di sole e stare al fresco l’ideale è stendersi sui gradoni o giocare con l’acqua in piscina, lì a due passi da San Francesco alla Rena, nell’unica vasca scoperta olimpionica di Puglia. E invece quest’anno i gradoni della Comunale sono rimasti silenti, e per tanto tempo ancora lo rimaranno se le acque non si muovono. I fatti sono questi, il gestore è risultato inadempiente e quindi l’impianto, rimesso a nuovo e ampliato con la vasca coperta da 35 metri dedicata alla pallanuoto per i Giochi del Mediterraneo del 1997, ora è chiuso, in attesa che il Comune trovi un’intesa con un altro gestore e in accordo con la Federazione italiana nuoto per riprendere l’attività delle Piscine Comunali per altri 15 mesi, fino alla scadenza naturale del precedente affidamento settennale.

Senza retorica però penso che le Olimpiadi di Londra appena concluse a noi baresi non abbiano insegnato nulla: vincono gli sport sconosciuti, ma che ci emozionano, basta pensare all’oro del mesagnese Carlo Molfetta nel Taekwondo. Mentre a Bari vedi che il Comune è pronto ad investire 250mila euro per un campo di pallone, che è il suo ma che è solo un pozzo senza fondo di spese e patemi d'animo. Uno stadio da 58mila posti dove negli ultimi anni ad ogni partita se c'eran cento paganti era un successo,.mentre per le Piscine Comunali, il Comune può dare solo 48milia euro all'anno a chi è interessato a subentrare nella gestione dell'impianto, dove ci sono tre vasche (25, 35 e 50 metri) e una vasca per i tuffi più gli spazi dedicati al wellness. Il capitolato d’appalto del 2006 prevedeva un ribasso d’asta sui 100mila euro di contributo annuo rispetto ai 130mila euro all’anno che nella gestione decennale precedente la Polisport, risultata poi nuovamente assegnataria dell’impianto, percepiva dal Comune. Nel 2007 il Comune di Bari ha effettuato lavori per 220mila euro per il consolidamento statico della vasca olimpionica, più altre decine di migliaia di euro di interventi di manutenzione ordinaria. Ora perdere questo tesoro di impianto è inammissibile, non solo per il valore degli investimenti fatti in questi anni ma per la capacità di aggregazione vera, spontanea, pulita che gli sport acquatici sono in grado di attuare. Centinaia di utenti ogni giorno, migliaia di ragazzi che in questi anni hanno imparato a nuotare, a giocare a pallanuoto o a fare le syncronette. E va bene che la Pellegrini ha fatto un buco nell'acqua con tutta la squadra di nuoto, ma non dimentichiamo che proprio in quell'impianto nel gennaio del 2011 c'era quel Settebello che ha vinto l'argento alle Olimpiadi, che abbiamo visto all'opera Felugo, Tempesti e tutti i guerrieri della palla in acqua agli ordini di Campagna e Rudic. Bari dimentica troppo presto, Bari sceglie l'ovvio, la potenza sfiorita del pallone che puzza di calcioscommesse, soldi della mala e combine. E non fa analisi. Con 48mila euro all'anno di contributo comuale le Piscine Comunali di Bari, secondo le mie modeste conoscenze, non si possono gestire. O arriva un mago, oppure l'impianto resta chiuso: e se qualcuno canterà vittoria per questa ennesima disfatta dello sport barese sarà solo un povero illuso che crede di poter trarre profitto da questo. E intanto Maria crescerà e dovrà rischiare la vita bagnandosi in mare con il maestrale. E non avrà imparato a nuotare.

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate

   

Inserisci un commento


Bari social




Commenti recenti

  • 85 babi

    Molto utili le informazioni di quest'articolo...purtroppo questi diasgi sono all'ordine del giorni per chi viaggia spesso e non. Neanche io ero a...

    Mostra articolo
  • PeterurgesEF Peterurges

    Предлагаем свои услуги...

    Mostra articolo
  • serra antonio

    salve, vorrei sapere se nel comune di taviano nella marina di mancaversa in provincia si lecce si paga la tassa di soggiorno. grazie

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!