Comunali Bari 2014, Pisicchio: “Non andrò alle primarie per salvare la faccia di qualcuno”

di Claudia Morelli giovedì, 28 novembre 2013 ore 09:26

Intervista al candidato alla poltrona di sindaco per il Centro Democratico | INTERVISTA A DI PAOLA

Pisicchio

 

Giorni fa Lei ha scritto una lettera aperta, nella quale denunciava l'assenza di progetti per la città di Bari. Ci esprima questo disagio:
Guardando la città da cittadino barese, quale sono, ho pensato che il dibattito, anziché incentrarsi sulle idee da sviluppare, si stia concentrando esclusivamente sulle persone. L'obiettivo di quella lettera era di dire “Finiamola con i personalismi, affrontiamo invece i problemi e il futuro.  Tiriamo fuori le idee e le volontà di cui Bari ha bisogno”. Ho avvertito ed espresso questo disagio sia da cittadino che da amministratore.
Oltre a essere vicesindaco, Lei ha avuto l'assessorato alle aziende. Quali sono i problemi delle aziende nel barese?
La città di Bari ha una molteplicità di problemi, tra i quali quelli dei servizi offerti dalle società partecipate del Comune. I problemi derivano anche da forme di contribuzione statale che stanno venendo sempre meno; infatti, nei bilanci degli ultimi due anni, il Comune di Bari ha perso circa cento milioni di Euro di finanziamenti statali. L'ente comunale si è visto così costretto a rivedere l'offerta dei propri servizi, oltre che a ripensare a un sistema di bilancio locale e questo ovviamente ha determinato anche un calo di offerta nei servizi.
Però l'opera che noi, come Comune di Bari, abbiamo attuato sulle aziende è stata mirata ad un risanamento e un tentativo di rilancio di alcuni settori. E devo dire che ci siamo anche abbastanza riusciti, tenendo conto che molte imprese in altre realtà sono fallite, mentre le aziende del Comune di Bari, tranne quella dei trasporti che ha qualche problema da risolvere, hanno un bilancio positivo. L'attenzione che, in questi anni, il Comune ha dedicato alle aziende ha portato benefici, non soltanto in termini di servizi, ovviamente sempre migliorabili, ma anche e soprattutto sul bilancio comunale.
Quali sono i punti del programma elettorale di Centro Democratico?
Noi abbiamo un'idea-modello di questa città. Credo che nessuno debba avere un programma in tasca, ma che le idee da realizzare vadano progettate insieme, volta per volta e confrontandosi con i cittadini e con la squadra che amministrerà la città di Bari. Ovviamente le idee guida ci sono.
Innanzitutto questa città deve tornare a coprire il ruolo che ha sempre avuto e che ha perso negli ultimi anni: bisogna incentivare il commercio, una delle grandi risorse di Bari. O anche sviluppare un'idea di turismo che ad oggi non c'è e quindi creare un percorso che invogli i turisti a venire e fermarsi in città. Perché Bari è una città simbolo di accoglienza,  è un crocevia di varie culture e religioni. Abbiamo qui la Chiesa Russa; il Santo Patrono non è importante solo per noi, ma rappresenta una parte fondamentale della cultura ortodossa. Quindi dobbiamo rilanciare queste risorse per un modello nuovo di turismo che porti ad una nuova fase di sviluppo di questa città.
Il sindaco Emiliano ha invitato assessori e consiglieri comunali in corsa per le amministrative a dimettersi. Lei cosa ne pensa?
Io penso che bisognerebbe prima riflettere sulle motivazioni per le quali si dovrebbero dare le dimissioni. Se si dovesse decidere di andare in questa direzione posso anche accettarlo: quindi un parlamentare, un consigliere o chi abbia qualsiasi altro incarico, dovrebbe dimettersi prima di annunciare una candidatura. Se deve essere una regola, la stabiliamo per tutti e io la accetto. Se invece è una regola che varia in base alle persone, allora resto un po' perplesso.
Il centrosinistra è alle prese con il dibattito sulle primarie e sui nomi dei candidati. Lei andrà alle primarie? Con chi intende coalizzarsi?
Da tempo noi abbiamo fatto una dichiarazione di intenti. Abbiamo storicamente dimostrato che la nostra cultura appartiene all'area moderata ma che ha fatto con il centrosinistra delle intese politiche. Come ho già detto, si sta parlando solo delle singole persone. Prima ancora di definire le intese, io ho posto tre condizioni in base alle quali capire se andare alle primarie: innanzitutto bisogna vedere se abbiamo un'idea comune di città; se c'è una squadra che condivide questo schema per il progetto politico-amministrativo; fondamentale è inoltre che le regole siano condivise perché se qualcuno vuole fare delle primarie “farlocche” io non sono disponibile a questo. Se devo mettere la mia faccia per salvare la faccia di qualcun altro, io non ci sto. Credo che i cittadini debbano avere chiarezza sui metodi e sulle scelte dei candidati.
Teme che gli elettori possano essere influenzati da questo dibattito e pensa che il centro sinistra stesso riuscirà a uscire coeso dopo il momento che sta vivendo?
Certamente se si personalizza il dibattito politico, le divisioni sono inevitabili perché quando si fa una squadra badando solo ai nomi senza un'idea di fondo, senza confronto reale, ovviamente il progetto crolla. Il mio intento è invece far partire un dibattito vero sulle questioni che interessano ai cittadini: è li che si fanno le maggioranze, le candidature si fanno sui progetti. Le persone fanno parte di un progetto condiviso e non viceversa, perché il cittadino e la città non possono diventare strumento nelle mani di un singolo. Ci interessa agire per la città, per il bene comune, ed è importante l'onestà di chi dovrà assumere il ruolo anche come candidato alle primarie, perché la trasparenza è un requisito fondamentale.
 
 
 

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate

   
  1. Piscitelli Gabriele 8 dicembre 2013, ore 11:48

    Il sig. Piscicchio a detto delle cose "affermative che dovevano essere dette tempo addietro e denunciare apertamente alla Cittadinanza quel signor singolo". Ma credo che questa cosa di non averla dichiarata prima a mio giudizio non le agevolerà nelle prossime Elezione. Ora e importante che portiate a termine il Mandato in quanto si chiede che da parte del sig. Michele Emiliano e il segretario Generale sig. Mario D'Amelio e il direttore generale sig. Vito Leccese mettano regolarità a tutti agli atti che hanno bisogno di essere postati alla Legalità. Come Cittadino le sarei/mmo Molto grati sig. Alfonso Pisicchio se fara questo anche se alla fine dimostrerà di non essere stato C......o, dal sig. Michele Emiliano.

Mostra tutti i commenti

Inserisci un commento


Bari social




Commenti recenti

  • 85 babi

    Molto utili le informazioni di quest'articolo...purtroppo questi diasgi sono all'ordine del giorni per chi viaggia spesso e non. Neanche io ero a...

    Mostra articolo
  • PeterurgesEF Peterurges

    Предлагаем свои услуги...

    Mostra articolo
  • serra antonio

    salve, vorrei sapere se nel comune di taviano nella marina di mancaversa in provincia si lecce si paga la tassa di soggiorno. grazie

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!