Sussurri e grida dalla Nona Circoscrizione di Bari

di Fortunata Dell'Orzo venerdì, 20 maggio 2011 ore 10:54
Una specie di Casa del Buon Gesù a spese dei contribuenti

Bari, Nona Circoscrizione (Murat –San Nicola), Centro socio-educativo di Largo Annunziata. Uno scorcio “verace” della città vecchia, il che non è detto che sia propriamente un pregio. Dipende dai punti di vista. Qui c’è un pezzetto di stato, un pezzetto di Comune nel quale tutti dovrebbero dare il massimo  dell’esempio per poter con qualche fortuna sperare di incidere, ove ce ne sia, sul degrado e la contiguità con il malaffare e l’illegalità diffusa.
Dovrebbero, appunto.  Ma da Largo Annunziata arrivano voci e numeri non proprio incoraggianti. Cittadini e cittadine che raccontano, raccontano e chissà perché, preferiscono dirlo a un giornale (si fidano di come ferreamente si proteggono le fonti in questa redazione, può darsi) che chiedere udienza al Direttore Mario Marchillo o al presidente Mario Ferorelli.
Le voci raccontano di una situazione che potrebbe fare da sceneggiatura a un film di Monicelli: chiunque abbia bisogno di fotocopie si reca lì. Possono essere documenti, scontrini fiscali, interi libri per i figli. In un anno pare siano state fatte oltre 40 mila fotocopie.
Ma la casa del buon Gesù non si ferma qui: qualcuno ha bisogno di telefonare? Magari al marito in navigazione, al figlio emigrato, alla sorella in viaggio? Sul cellulare? E che ci vuole, basta chiedere e le accoglienti utenze comunali sono lì per accontentarti.

Viene il sospetto che fra i compiti della Circoscrizione e del Centro sociale educativo ci sia anche quello di facilitare i contatti fra i barivecchiani dispersi nel mondo.
Qualche tempo fa questa sede di Largo Annunziata ha sfiorato la celebrità con una storiella da libro cuore: un gruppo di ragazzi di Bari vecchia scrisse una lettera anonima minacciando di rubare i computer in dotazione se non fossero partiti i corsi di alfabetizzazione.
I nostri cittadini indignati e preoccupati, invece ci raccontano un’altra storia “nella quale è caduta pure la giornalista che venne qui a fare l’articolo” precisano: e cioè che la lettera, lungi dall’essere spontanea e un po’ scriteriata iniziativa dei ragazzi, fu un’idea di una delle dipendenti che la dettò “in pirsona pirsonalmente”  (come direbbe Camilleri) ai ragazzi (ma che bell'esempio di educazione civica, però) per “costringere” poi il comune a istituire un Corso che non si sa poi bene come sia finito (e quali risultati abbia raggiunto).
Ma non è finita: a Largo Annunziata si gioca troppo con i tesserini di entrata e uscita. Spesso ci sono colleghi compiacenti che firmano a posto di chi è assente e ancora più spesso, complice involontario un tesserino smagnetizzato, si scrive quello che si vuole e si fanno orari molto, molto ma molto più comodi.
Compresi quelli che consentono a qualcuno di uscire e farsi la spesa con tutto comodo. 
Di tutto questo, e anche di altro che qui per rispetto della privacy di alcuni soggetti non riveliamo, abbiamo informato puntualmente il presidente Mario Ferorelli che, alquanto colpito dalle cose udite, ha promesso di istituire immediatamente un’indagine interna, per appurare se quanto ci è statoriferito sia vero.
Alcuni controlli sono molto facili: le fotocopiatrici, ad esempio, sono in comodato d’uso e dunque basta controllare a incrocio il consumo di toner e quello di carta (oltre  all’indicatore di numero di copie che ogni macchina possiede) per capire se le quarantamila copie fatte n un anno siano frutto della maldicenza (speriamo) o qualcosa di peggio e di più.
Stessa cosa con le telefonate. Vi terremo comunque informati di tutti gli sviluppi.

 

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate

   
Inserisci un commento

22 Commenti

  1. 15 giugno 2011, ore 01:12

    Ho il forte presentimento che uno timbri il tesserino per l'altro sia vero per 2 motivi: 1) quei pochi commenti che difendono quel centro non menzionano mai il discorso dei cartellini. 2) questa manovra illegale chiamata peculato è molto diffusa nel pubblico impiego. Infine concordo con il commentatore precedente. La Dell'Orzo è molto combattiva e temuta perché ha molte volte scoperchiato pentoloni bollentissimi; i suoi articoli di denuncia simili a questo hanno sempre prodotto risultati e non sono mai stati ignorati quindi se fossi un impiegato di quel centro mi preoccuperei e non poco.

  2. 14 giugno 2011, ore 20:13

    Mi trovo per caso a commentare questa notizia e preferisco rimanere anonimo per motivi personali. Per quanto riguarda questa "porcheria" di giornale (come qualche ignorante ha scritto), è stato da poco presentato nell'aula consiliare del Comune di Bari alla presenza del Sindaco, assessori, consiglieri comunali e qualche Deputato oltre alla giornalista Dell'Orzo in qualità di Direttore. Non conosco questo Centro Sociale e tanto meno ciò che viene denunciato e commentato, ma conosco Fortunata Dell'Orzo da 25 anni circa; Trattasi di giornalista seria affermata e stimata dalle istituzioni e non solo, con esperienza trentennale nel settore. I suoi articoli e le sue denunce hanno permesso di smascherare molti furfanti ( da Cavallari delle CCR al più recente scioglimento del CDA Multiservizi e conseguente commissariamento), di denunciare sprechi e sperperi di diversa natura e di risolvere molti problemi di questa città. Posso quindi dedurre che almeno un minimo di verità debba pur esserci in questo articolo e state certi che se c'è del marcio Fortunata lo tira fuori. Riguardo le critiche verso chi non si firma, beh posso benissimo pensare che i vari nomi Nicola Dammacco, Gioele Martinez, Andrea Muller, Saverio Demarzo e Michele Tedesco, possono essere nomi di fantasia. Dove sta scritto che esistono davvero? Concludo con questa nota: prima di fare critiche... INFORMATEVI!

  3. 8 giugno 2011, ore 09:41

    Se fossi andato da Bin Laden quando era vivo e lui mi avesse fatto fare tutti i comodi miei è normale che lo avrei ringraziato e parlato bene di lui

  4. dammacco nicola 27 maggio 2011, ore 15:57

    rispondi sempre anonimo..... come mai?forse nn ai le palle di far vedere chi sei...

  5. 25 maggio 2011, ore 18:48

    Vattin Strunz KE tu si u prim ricottar

  6. dammacco nicola 25 maggio 2011, ore 18:01

    quello che state scrivendo sul c.s.e. e tutta una buffonata...come dite voi le 40 mila fotocopie sono state fatte x bambini e x il bene della gente della citta vecchia..nessun ragazzo a mai minacciato di rubare i computer del c.s.e.sono un ragazzo che frequenta il centro sociale da anni e parlo a nome di tutti i ragazzi del c.s.e posso dire che le signore che lavorano nel c.s.e. sono delle gran lavoratrici... non o mai visto che una timbra il cartellino al posto dell'altro MAI.....chi a le palle di confermare quello che stanno dicendo le cose le devono venir a dire in persona nn con lettere anomime....e dopo nn credo che sono persone di bari vecchia a scrivere queste cose perche loro sono le prime a essere aiutate dalle signore che lavorano al c.s.e quando avrete le palle venite al c.s.e. vi aspettiamo x parlare in persona.....ciao a nome di tutti i ragazzi del c.s.e

  7. 22 maggio 2011, ore 00:07

    CONSIDERATO KE QUESTO SITO VIENE LETTO DA EMIGLIANO LECCESE E TANTI ALTRI POLITICI MI SA KE IL FIGLIO HA PEGGIORATO LA SITUAZIINE DELLA MADRE KE INVECE VOLEVA DIFENDERE. VITO

  8. 21 maggio 2011, ore 21:57

    Secondo mamma e figlio io che ora sto commentando sarei lo stesso di tutti i precedenti commenti che in data odierna sono cominciati alle 6.48 da quanto leggo e sono proseguiti fino a quest'ultimo e cioè alle 21.55 circa con una frequenza di 60-90 minuti. 16 ore al pc come se non avessi nulla da fare. Ci vuole una mente contorta per arrivare a pensare tutto ciò. Questo è il classico rifiuto di accettare che quanto scritto è sulla bocca di tutti.

  9. 21 maggio 2011, ore 17:37

    Andrea Muller questa porcheria di giornale come lo chiami tu serve a smascherare le porcate indicate. E poi i tuoi commenti stanno pubblicati che vai cercando? Diventate comici quando cercate di difendere gli indifendibili e di giustificare l'ingiustificabile. Lodevoli iniziative come biblioteche ecc non giustificano che uno timbra un tesserino per un altro. Ma chissà perché non viene mai menzionato dagli avvocati difensori questo fatto,si limitano a giustificare lo sperpero,che si fa tutto con 5 Mila euro ecc. Waglió profili falsi o meno, anonimi o non anonimi... Carta, foto e tanto altro cantano, e hanno pure la voce alta!

  10. 21 maggio 2011, ore 14:48

    Questi sono i tuoi risultati di anni di cattiverie verso i tuoi colleghi cara Mariella. Hai dato del disonesto pubblicamente sia al Sindaco che a Marchillo che al D.G. che a tutti i politici mentre tu ti facevi timbrare il cartellino. Per te loro sarebbero i disonesti mentre saresti onesta vero? Faresti bene a scusarti almeno verso un centinaio di persone.

  11. 21 maggio 2011, ore 12:09

    Sig Mariella Campanelli la verità è una ed è stata scritta e di sicuro non corrisponde alla sua. Ora spetta a chi di competenza indagare ed eventualmente condannare e ho il presentimento che lei sia alla frutta.

  12. 21 maggio 2011, ore 11:06

    Se qualcuno degli organi competenti dovesse chiamare a testimoniare (e spero lo facciano) tutti gli impiegati comunali che sono in servizio in quella struttura e tutti quelli che negli anni addietro ci hanno lavorato compresi i guardiani della cooperativa comunale vestiti di rosso, vediamo cosa esce fuori? Campanelli sei proprio sicura di essere a posto e di non temere nessuno/a??????? Io so solo che le tue telefonate e quelle dei residenti della città vecchia LE PAGO IO comprese le tue ore ordinarie e straordinarie che non fai

  13. 21 maggio 2011, ore 09:59

    A me la notizia e i commenti mi sembrano ben articolati e dettagliati e poi leggo che c'è pure uno che si firma e mi sembra anche convinto del fatto suo. Credo che invitare la giornalista sia sia un'idea ridicola cosa devono dire i Barivecchiani?che va tutto bene è normale fanno ciò che vogliono e poi pensare che la denuncia e i commenti siano frutto di una sola persona, solo a Campanelli poteva venire in mente;data la sua scarsa competenza in materia cara Campanelli,ti informo che per commentare bisogna registrarsi con un nickname e un indirizzo email e quindi pensare che una sola persona possa crearsi 11 nickname e 11 indirizzi email,passare tutto il giorno davanti al pc a commentare mi sembra una follia e solo tu lo potevi pensare. Il problema è che cerchi di difenderti quando sei indifendibile perché è tutto vero e provato quello che viene scritto e commentato.

  14. 21 maggio 2011, ore 08:38

    Sig.ra Coordinatrice il suo ostentare sicurezza con punte di arroganza si rivelerà fatale contro di lei!Si faccia controllare anche tutte le volte che le hanno timbrato il tesserino sia in ingresso (mentre lei ancora dormiva) che in uscita (mentre lei pranzava) e in entrambi i casi risultava in servizio ovviamente. Le do un consiglio... Riveda un pó quello che ha scritto perché tanto verrà tutto fuori stia tranquilla.Chi le dice che la redazione non abbia foto filmati di gravissime anomalie e quant'altro mentre lei li accusa di diffamazione?Si fermi a meditare perché forse coloro che hanno denunciato hanno prove concrete e un giornale senza prove concrete difficilmente pubblica.

  15. 21 maggio 2011, ore 06:48

    Campanelli e il resto come lo giustifichi? E come fai a dire che è la stessa persona che scrive? Non leggi gli orari diversi e il modo di scrivere completamente differente tra loro? Dimentichi che hai una miriade di nemici ai quali hai fatto tanto male e ti stanno ripagando con la stessa moneta, solo che tu hai torto marcio mentre loro hanno ragione.

  16. 20 maggio 2011, ore 21:35

    MA XKè LA CHIAMATE DIRETTRICE CHE COSA DIRIGE? LO SPERPERO DI DENARO PUBBLICO? CARA SIG.RA KE "DIRIGE" ILCENTRO SOCIALE QUI CI SONO PRESUNTI REATI, COME LA METTIAMO? TU SEI STIPENDIATA CON I NOSTRI SOLDI E NON POSSIAMO TOLLERARE SPERPERO SCHIAFFEGGIANDO LA POVERTà

  17. 20 maggio 2011, ore 20:24

    Sono un dipendente comunale e anch'io posso confermare tutto. Direttrice? DITTATRICE volete dire! Maltratta le colleghe,fa telefonate personali a cellulari che durano ore,va a fare la spesa e va dal parrucchiere durante l'orario di lavoro;tante volte risulta in servizio e invece sta alla casa o in giro per la città

  18. 20 maggio 2011, ore 16:32

    Certo la Direttrice educa i ragazzi a odiare i politici e allo sperpero di denaro pubblico. Vergogna

  19. 20 maggio 2011, ore 16:08

    Credo che la Direttrice debba essere licenziata. Lei si prodiga a destabilizzare e insultare davanti a molti Barivecchiani: il Sindaco Emiliano, il Direttore Generale del Comune di Bari Vito Leccese e il Dott. Mario Ferrorelli. Ovviamente i cittadini odiano tutti i politici e in particolare quelli appena citati perché gli viene detto continuamente che sono dei poco di buono (i termini sono molto più pesanti e offensivi ma preferisco non ripeterli). E questa signora sarebbe una educatrice? E il Sindaco non la caccia e denuncia ancora? Questa è Bari!!!

  20. 19 maggio 2011, ore 22:19

    VI HANNO SGAMATO!!! E CHE DIRE DEI GIOVANI FREQUENTATORI FANNULLONI DEL CENTRO SOCIALE CHE "FREQUENTAVANO" ANCHE IL COMPUTER DEL COMUNE IN DOTAZIONE ALLA DIRETTRICE OLTRE AL TELEFONO E ALLA MACCHINA FOTOCOPIATRICE. ALLUCINANTE CHE UN CITTADINO QUALUNQUE POTEVA ACCEDERE AI PC DEL COMUNE PER NAVIGARE IN INTERNET PER SCOPI PERSONALI. E LE BOLLETTE ASTRONOMICHE DEL TELEFONO NON VENIVANO MAI CONTROLLATE? FATE PENA!!

  21. 19 maggio 2011, ore 21:02

    Avete scoperto l'America! Tutti sanno che in quell'ufficio si può fare di tutto dalle telefonate alle fotocopie ai fax, si gioca a carte a soldi e tanto altro ancora. Ferrorelli e Marchillo che fate i finti tonti? Magari chiudevate un occhio? Con quella Direttrice del Centro Sociale tutto è permesso per tutti e senza limiti. E io pago!

  22. 19 maggio 2011, ore 20:36

    Sono un cittadino di barivekkia e posso confermare tutto quello che è stato scritto. Abito vicino lo Scafuat e devo aggiungere che le dipendenti si mettono a prendere il sole durante il servizio e tutto quello che è stato scritto lo sanno tutti ma già da tanti anni.

Mostra tutti i commenti

Inserisci un commento


Bari social




Commenti recenti

  • Eldim Alana

    Questi diasgi sono veramente all'ordine del giorni. Fortunatamente, ci sono ache compagnie che possono aiutarci a reclamare. Qui potete trovare le...

    Mostra articolo
  • Collini Lola

    Un patrimonio inestimabile!! Ormai da anni seguo una dieta una dieta mediterranea, da quando me la consigliò il mio dottore. Adesso ogni volta che...

    Mostra articolo
  • 85 babi

    Molto utili le informazioni di quest'articolo...purtroppo questi diasgi sono all'ordine del giorni per chi viaggia spesso e non. Neanche io ero a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!