Waterpolo Bari schiacciasassi e sempre più leader: anche la CC Lazio si arrende

di Redazione Go Bari domenica, 13 marzo 2016 ore 11:22

I portacolori baresi s'impongono 11 a 7

“Non è importante arrivare primi nel girone d'andata – aveva dichiarato l'allenatore Antonello Risola alla vigilia - perché non si vincono premi. L'importante è proseguire bene”. Missione compiuta. La Waterpolo Bari ha continuato a giocar bene e vincere, anche contro la CC Lazio, aggiudicandosi per 11 a 7 la sfida di vertice dell'ottava giornata del girone 3 della serie B di pallanuoto. E allo stesso tempo, si è confermata leader del torneo al giro di boa, a punteggio pieno, con cinque punti di vantaggio su Latina, seconda e super favorita ai nastri di partenza, prima dell'ultimo turno in programma sabato prossimo (la Waterpolo farà visita nell'impianto del Club Acquatico Pescara).  I ragazzi di Risola non hanno tradito le attese e hanno imposto la legge del più forte contro la squadra che fino alla 7° giornata li aveva affiancati in classifica. Capitan Di Pasquale e compagni hanno controllato subito l'incontro, alzando e abbassando i ritmi a proprio piacimento e prendendo il largo nella quarta frazione, che ha registrato un parziale a favore di 4 a 1. Ottima la prova in fase difensiva, con i temibili Placidi e Ferraro tenuti a bada. Altrettanto quella in attacco dove, a differenza delle partite precedenti, si sono riuscite a sfruttare al meglio le situazioni di superiorità numerica. Grande presenza di pubblico sugli spalti (oltre 600 persone), dove erano seduti anche l'assessore comunale allo Sport, Pietro Petruzzelli, e il presidente regionale del settore pallanuoto della  Federazione, Alfonso Rossi.

Cronaca

Primo tempo. Dopo una fase dove hanno prevalso tattica, nuoto e difese, a 6' 45” dalla sirena, Enrico Provenzale sblocca la partita battendo D'Ascoli. La Lazio accenna una reazione, ma è ancora la Waterpolo ad andare a segno, sempre col suo numero 5, che mette subito l'incontro sui binari che portano verso la vittoria dei suoi. Si susseguono repentini cambiamenti di fronte e a 2'31” dal termine, Ferraro accorcia le distanze battendo Tramacera. La frazione si chiude con i ragazzi di Risola avanti di uno.

Secondo tempo. L'allenatore biancorosso predica ai suoi di non uscire mai dal proprio gioco, per tenere a bada un avversario fisicamente preparato. La Waterpolo rientra in vasca a testa bassa, convinta di allungare sui laziali e, alla prima azione, dopo la conquista della palla a centrocampo (la statistica dice quattro su quattro Waterpolo), va a segno ancora con Provenza (tripletta di giornata per lui).  La Lazio avverte il pericolo di una avversario in palla e trascinato dal pubblico, e reagisce con rabbia, accorciando dopo poco più di un minuto con Casciotta. La Waterpolo non sfrutta al meglio un paio di controfughe, ma i laziali non ne approfittano, colpendo in un paio di occasioni il palo. Così, Paolo Chieco, libero e appostato sul secondo palo, fa 4 a 2 a 2' e 58” dal termine. Nei minuti finali accade di tutto. Latina prova a rimanere aggrappata al match, ma Tramacera salva i suoi stoppando in maniera prodigiosa una controfuga avversaria. Sul ribaltamento di fronte, Enrico Provenzale guadagna e sbaglia un rigore a 1 e 40” dalla sirena. Dopo un errore in attacco, a 37” dal termine, il temuto Placidi, accorcia le distanze. La frazione sembra doversi chiudere sul 4 a 3 per i biancorossi, ma i ragazzi di Risola mantengono alte concentrazione e freddezza e sfruttano al meglio l'ultima azione d'attacco. Spetta ancora a Chieco ristabilire il più due Waterpolo a 9” dal finale di tempo. Si va al cambio campo con Di Pasquale e compagni sul 5 a 3, tra l'entusiasmo incontenibile dello Stadio del Nuoto.

Terzo tempo. Dopo una fase di studio, un rimpallo fortunoso in area biancorossa, regala il pallone a Rella, che a 6' e 03” dalla sirena, accorcia ancora per i suoi. Sembra che la frazione debba proseguire come le precedenti, con la Waterpolo sempre padrona della vasca, ma non ancora capace di chiudere i conti. Non è così. Risola chiede più attenzione ai suoi e i risultati arrivano immediatamente. La Lazio sbaglia in attacco e con una controfuga micidiale, in un batter di ciglia le calottine biancorosse mettono in condizione il loro capitano, Daniele Di Pasquale, di battere a rete, solo, a tu per tu con D'Ascoli. Azione da manuale, che vale il 6 a 4. E' il momento decisivo della partita. La Lazio non sfrutta una superiorità numerica, colpendo un palo clamoroso. La temperatura in vasca si alza repentinamente. La Waterpolo accelera i movimenti in acqua, con bracciate e passaggi che mettono allo scoperto i punti deboli dei laziali, sfrutta le superiorità numeriche e dilaga. Vanno a segno in sequenza Padolecchia, a 3' e 57”, dopo un'espulsione avversaria guadagnata caparbiamente da Provenzale. Prosegue Marcello De Risi per l'8 a 4. Tramacera spegne le velleità laziali con un'altra parata ravvicinata da prodigio, e ancora Padolecchia (anche per lui tripletta) servito magistralmente in area avversaria, riceve, si gira tra due calottine color blu e batte D'Ascoli. La Waterpolo a questo punto è straripante e sul finale, Roberto Santamato, dopo un'azione da manuale, si ritrova a tu per tu col numero uno della Lazio, ma si fa parare il possibile tiro del 10 a 4.

Quarto tempo. I ragazzi di Risola, dopo una frazione sprint, pensano ad amministrare. Non prima di aver realizzato il 10 a 4, ancora con Padolecchia a 5' e 44” dalla sirena finale. La Lazio accorcia dopo poco meno di un minuto con Placidi, in controfuga, e va a segno ancora con Verdecchia. Ma mancano al fischio finale solo 4' e 32”. La Waterpolo si ricompone, torna a difendere in maniera impeccabile e usa tutti i 30” a disposizione per l'attacco. Tramacera para ancora e in controfuga De Risi completa l'opera per l'11 a 6.  Risola regala gloria al giovane portiere Martiradonna, che si produce in un intervento strappa applausi. A 1' e 27” Carosi segna per i suoi un gol che vale solo per le statistiche. La Waterpolo vince alla grande il big match di giornata e si conferma leader incontrastata e a punteggio pieno del girone 3 della serie B nazionale di pallanuoto, tra l'entusiasmo straripante del pubblico dello Stadio del Nuoto.

Waterpolo Bari 11  – CC Lazio Waterpolo 7 (2-1, 3-2, 4-1, 2-3)

Stadio del Nuoto Bari Sabato 12 marzo ore 15

Arbitro: D'Alessio

Waterpolo Bari: Tramacera, Carbone, De Risi (2), Scamarcio, Provenzale (3), Chieco (2), Padolecchia (3), Santamato, Di Pasquale (1), Di Cosola, Carnevale, Palmisano, Martiradonna. Allenatore: Antonello Risola

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate

   

Inserisci un commento


Bari social




Commenti recenti

  • 85 babi

    Molto utili le informazioni di quest'articolo...purtroppo questi diasgi sono all'ordine del giorni per chi viaggia spesso e non. Neanche io ero a...

    Mostra articolo
  • PeterurgesEF Peterurges

    Предлагаем свои услуги...

    Mostra articolo
  • serra antonio

    salve, vorrei sapere se nel comune di taviano nella marina di mancaversa in provincia si lecce si paga la tassa di soggiorno. grazie

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!