Calcio a 5 non vedenti, il Bari ad Empoli a caccia della vittoria

di Redazione Go Bari giovedì, 13 febbraio 2014 ore 05:00

Impegno in trasferta per la squadra di Pugliese

A distanza di 3 mesi dalla disputa della prima giornata archiviata con un successo interno, la squadra dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Unione Italiana Ciechi Bari ritorna in campo per la terza giornata del Campionato italiano di calcio a 5 per non vedenti assoluti indetto dalla FISPIC (Federazione Italiana Sport Paralimpici per Ipovedenti e ciechi).

Il debutto stagionale in trasferta avverrà presso il Centro Sportivo Circolo Tennis di Empoli, via Valcareggia n° 1 sabato 15 febbraio 2014 alle ore 10.30.  La squadra barese affronterà i padroni di casa del G.S.D. Culturale Aquilone per cercaredi bissare il successo fatto registrare nel corso della prima giornata contro Siracusa.    

 L’A.S.D. U.I.C. Bari potrà contare sui seguenti giocatori: Giuseppe Chiarappa, Marco Lamacchia, Nicola Quintavalle (portieri vedenti), Giuseppe Catarinella, Massimo D’attolico, Vincenzo Di Bari, Antonio Garofalo, Vito Mancini, Nicola Mauro e Marco Mongelli (tutti atleti non vedenti assoluti) guidati da Michele Pugliese.Il terzo turno sarà completato dall’incontro: Nuovi Orizzonti Siracusa - Disabili Roma 2000.

 Per i baresi quello contro i toscani sarà un match importante in vista delle prossime due giornate che vedrà poi l’A.S.D. UIC Bari affrontare le formazioni della Roma e del Lecce che dopo due giornate guidano la classifica con 4 punti. Oltre alle normali regole, la disciplina del calcio a 5 per non vedenti ha come caratteristica quella che i 4 giocatori spaziano sull’intero rettangolo di gioco grazie ai suggerimenti dati dal portiere, dall’allenatore e dalla guida posizionata dietro la porta avversaria. La palla utilizzata è dotata di sonagli che ne permettono l’individuazione. Lungo le linee laterali sono posizionati degli steccati che anno la funzione di velocizzare il gioco, di permettere l’orientamento  e di garantire una maggiore sicurezza. Per annullare l’eventuale residuo visivo, che in ogni caso non può superare la percezione della luce, ciascun atleta indossa una mascherina che azzera eventuali vantaggi.

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate

   

Inserisci un commento


Bari social




Commenti recenti

  • Collini Lola

    Un patrimonio inestimabile!! Ormai da anni seguo una dieta una dieta mediterranea, da quando me la consigliò il mio dottore. Adesso ogni volta che...

    Mostra articolo
  • 85 babi

    Molto utili le informazioni di quest'articolo...purtroppo questi diasgi sono all'ordine del giorni per chi viaggia spesso e non. Neanche io ero a...

    Mostra articolo
  • PeterurgesEF Peterurges

    Предлагаем свои услуги...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!