Università di Bari, gruppo di ricercatori scopre farmaco che salva i reni dall'invecchiamento

di Redazione Go Bari mercoledì, 3 febbraio 2016 ore 19:31

Si può proteggere il rene dai danni provocati dall'insufficienza renale acuta con l'utilizzo di un nuovo farmaco, il C1-inibitore ricombinante, 


Proteggere il rene dai danni provocati dall'insufficienza renale acuta? Si può, grazie all’utilizzo di un nuovo farmaco, il C1-inibitore ricombinante, bloccando in maniera efficace il sistema del Complemento. E’ quanto dimostrato da un gruppo di giovani ricercatori della sezione di nefrologia dell'Università di Bari.

La ricerca, a cura di Giuseppe Castellano e Angelica Intini, guidati dal prof.Loreto Gesualdo , è stata pubblicata sulla 'American Journal of Transplantation' ed apre, secondo l’Università a nuovi orizzonti per la terapia dell'insufficienza renale acuta e per la protezione del rene trapiantato.

Secondo la ricerca infatti, grazie al C1-inibitore, è preservata la produzione di una proteina chiave, denominata Klotho, dal nome di una delle tre Moire (o Parche), le tre divinità che presiedevano al destino dell'uomo nella mitologia greca. Grazie a questa proteina, si può proteggere l’organo dall’invecchiamento precoce appunto, regolando le funzioni dell'apparato cardiovascolare e del sistema nervoso centrale.

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate

   

Inserisci un commento


Bari social




Commenti recenti

  • 85 babi

    Molto utili le informazioni di quest'articolo...purtroppo questi diasgi sono all'ordine del giorni per chi viaggia spesso e non. Neanche io ero a...

    Mostra articolo
  • PeterurgesEF Peterurges

    Предлагаем свои услуги...

    Mostra articolo
  • serra antonio

    salve, vorrei sapere se nel comune di taviano nella marina di mancaversa in provincia si lecce si paga la tassa di soggiorno. grazie

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!